LAURA CANIS - PSICOLOGO PSICOTERAPEUTA ANCHE ONLINE

PEDOFILIA: LE CONSEGUENZE SUI BAMBINI

La pedofilia e' un tema tabu'. Cosi' come per i temi della dipendenza o altri disturbi, il luogo comune fa si' che si creda che si tratti di un qualcosa destinato a colpire solo alcune fasce sociali e determinati contesti sociali. Invece non e' cosi'.
Di pedofilia possono essere vittime tutti i bambini, appartenenti ad ogni classe sociale.
La pedofilia porta con se', nel bambino che la subisce, una FERITA ETERNA, destinata a segnare profondamente l'identita' e la psiche del bambino, creando uno strappo al suo senso di se' ed alla sua autostima.
La pedofilia e' purtroppo una piaga sempre esistita. I "bambini cresciuti" che sono stati vittima di pedofilia appartenenti alle generazioni passate, spesso si sono trascinati questo evento come un grande macigno rimasto segreto per decenni, quasi come se fossero loro stessi i colpevoli. A questo grande segreto si accompagnava (e si accompagna tuttora nelle vittime d'oggi) uno schiacciante senso di colpa, di vergogna e di abbandono, che col passare del tempo, anziche' affievolirsi, diventano sempre piu' devastanti nella psiche della vittima.
E' solitamente con l'arrivo dell'adolescenza che i bambini vittima di pedofilia, iniziano a manifestare veri e propri sintomi, generalmente riassumibili in disturbi di personalita', disturbi d'ansia e disturbi della sfera affettiva.
Dati clinici evidenziano alte correlazioni tra esperienze di pedofilia vissute in eta' infantile con lo sviluppo, in eta' adulta, di
  • instabilita' o dipendenza affettiva
  • condotte etero distruttive
  • condotte autolesive
  • depresione
  • dipendenza da alcool e droghe
  • disturbi alimentari
  • forte inibizione nella sfera sessuale, o al contrario, promiscuita'.

Un tempo le vittime di pedofilia, quand'anche mostrassero i medesimi segnali comportamentali che oggi vengono definiti dagli esperti "campanelli d'allarme", un tempo, per mancanza di consocenza in merito, non venivano ascoltati ed accolti. Inoltre, anche nei casi in cui le vittime erano gia' piu' grandicelle e magari provavano a rivelare l'accaduto, c'era la tendenza proprio all'interno delle famiglie stesse a voler nascondere, a tenere segreta "la faccenda", affinche' essa non creasse scandalo, magari rovinando il buon nome della famiglia.
Oggi pero', che la ricerca e' andata avanti, e si conoscono le conseguenze che la pedofilia puo' comportare, e' bene imparare a riconoscere tutti i segnali che i nostri bambini ci mostrano, perche' i bambini non sanno comunicare a parole questo tipo di eventi. Do non trascurare e' anche il fatto che spesso e' l'abusatore stesso a chiedere alla sua vittima di mantenere il segreto o, ancor peggio, di farlo sentire responsabile dell'accaduto.
Diventa quindi fondamentale cogliere ogni segnale, ogni campanello d'allarme, compresi i racconti che ci fanno i nostri bambini inerenti alle persone che conoscono a scuola, ai giardini, in palestra o in casa (perche' non dimentichiamo che spesso la pedofilia avviene proprio per mano di stretti conoscenti!).
Ascolto ed osservazione attenta dei nostri figli diventano quindi fondamentali, non solo per prevenire futuri atti di pedofilia, ma anche per ridurre il danno degli stessi.

Se desideri contattarmi, puoi farlo attarverso il modulo sottostante. Con gli adulti mi occupo anche di consulenze online.

CONTATTA LA PSICOLOGA